contatti  | English

12
MAR
2015

Consumi e tendenze

Carne, il sondaggio: per i consumatori anche la confezione è un driver di acquisto

Bene lo «skin-pack», purché non incida sui costi. E la data di scadenza deve essere in vista.

Il packaging rappresenta una leva per l’acquisto delle carni, ma non giustifica, in una fase in cui evidentemente le famiglie sono estremamente attente al bilancio domestico, un costo maggiorato. Il consumatore cerca la data di scadenza e gradisce informazioni sulle modalità di cottura della carne acquistata, ma è meno interessato a eventuali ricette o al numero di porzioni contenute nella confezione.

Sono queste alcune indicazioni emerse da uno specifico sondaggio online di Eurocarne che ha raccolto l’opinione degli utenti.

 

In base alle risposte dei visitatori del sito, è emerso dunque l’interesse verso il cosiddetto «skin-pack» (una confezione sottovuoto coperta con uno strato di film trasparente che aderisce alla vaschetta e facilita gli acquisti d’impulso), modello lanciato nei Paesi anglosassoni e del Nord Europa e già comunque presente anche in Italia.

L’iniziativa si prefiggeva lo scopo di indagare la percezione degli operatori di settore in merito ad un’esperienza attivata nel Regno Unito (Waitrose®), a servizio della valorizzazione dell’alto di gamma.

 

Il sondaggio ha evidenziato che, per il 56 per cento degli utenti, la carne proposta in skin-pack trasparente è considerata distintiva rispetto al resto delle referenze carnee vendute confezionate all’interno del punto vendita. Tuttavia, il 66 per cento dei rispondenti non ritiene che lo «skin-pack» giustifichi costi di acquisto superiori o comunque un posizionamento premium.

 

Inoltre, rispetto alle informazioni presenti sul packaging spicca l’importanza riservata alla data di scadenza (50 per cento) e alle modalità di cottura (26 per cento). Molto meno attrattive altre informazioni, come la quantità del prodotto espresso in «numero di porzioni» (9 per cento), l’indicazione di ricette per cucinare la carne acquistata e i valori nutrizionali (6 per cento).

 

Quello sul packaging è il secondo sondaggio online realizzato sul sito di Eurocarne, dopo quello sull’etichettatura. Sono strumenti che non vogliono assurgere a validità scientifica, ma hanno l’obiettivo di individuare le percezioni di consumatori e operatori del settore e di fornire alla filiera driver utili per la crescita del comparto e dei consumi di carne.

 

A sostegno di un consumo consapevole della carne, nell’ottica di una rinnovata sostenibilità della filiera, Eurocarne presenterà nel corso della prossima edizione di maggio (la numero 26), insieme ad SGMARKETING, un’analisi quanti-qualitativa consumer con l’obiettivo di individuare efficaci modalità di gestione e valorizzazione del reparto carni nella distribuzione moderna alla luce delle esigenze e dei cambiamenti nei consumi alimentari emersi.

 

Fonte: Servizio Stampa Eurocarne-Veronafiere

  • articoli più recenti
  • articoli più letti
assomacellai confcommercio federcarni fiesa
trenitalia
svg