contatti  | English

25
MAG
2017

Consumi e tendenze

CRESCE IL CONSUMO DI BRESAOLA DELLA VALTELLINA

Nel 2016 oltre 12.700 tonnellate di prodotto certificato

Il Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina ha chiuso il 2016 con un trend positivo, che dimostra il crescente apprezzamento per il prodotto. La produzione IGP registrata nel 2016 dalle 14 aziende associate ammonta a circa 12.700 tonnellate di prodotto certificato, con una crescita di consumo del +3,2% rispetto all’ anno scorso e addirittura +43% rispetto al 2000. Il consumo in vaschetta ha superato il 42% del mercato.

 

+31% l'export rispetto l'anno precedente

 

Anche sul fronte estero i dati sono positivi. Sul totale di Bresaola della Valtellina IGP prodotta nel 2016, l’export rappresenta l’8,2% con 1044,8 tonnellate (+31% rispetto al 2015) esportate in territorio europeo (Francia, Germania, UK, Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Austria, Croazia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, Danimarca, Svezia, Finlandia) e al di fuori dell'Unione Europea, con importanti partner commerciali in Svizzera, Canada, Emirati Arabi, Qatar, Armenia, Macedonia, Serbia, Montenegro, Repubblica di San Marino, Libano, Filippine, Repubblica Dominicana e Hong Kong.

 

Franco Moro, il nuovo presidente del consorzio

 

Commenta i risultati il nuovo presidente del Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina IGP. Franco Moro (Bresaole Del Zoppo), che raccoglie l’eredità di Mario Della Porta e rimarrà in carica per il prossimo triennio. 'L'export di Bresaola della Valtellina IGP – afferma il neo Presidente Franco Moro - rappresenta oggi l’8,2% del totale, una percentuale che sicuramente tenderà a crescere. L'impegno dei produttori è infatti orientato nella direzione di esplorare e attivare nuovi sbocchi, soprattutto in ambito extra UE. La Bresaola della Valtellina è un prodotto unico e inimitabile garantito dal marchio comunitario IGP, che ha enormi margini di crescita, in Italia e all’estero. Dall’anno scorso abbiamo avviato una campagna di comunicazione per raccontare agli italiani la Bresaola della Valtellina, cominciando da un’operazione trasparenza sull’origine e la qualità delle carni utilizzate. Quest’anno, con la web app ‘BresaolaInedita.it’, stiamo spiegando la sua versatilità a tavola e i suggerimenti per valorizzarla al meglio. È la strada giusta, in Italia e non solo, per far diventare questo prodotto un ambasciatore della qualità valtellinese. Ringrazio il mio predecessore Mario Della Porta e il nostro Consorzio per l’importantissimo lavoro svolto finora”.

 

Fonte: Consorzio di tutela bresaola della Valtellina
  • articoli più recenti
  • articoli più letti
assomacellai confcommercio federcarni fiesa
trenitalia