contatti  | English

18
LUG
2017

Allevamento

FRANCO MARTINI NUOVO PRESIDENTE DI ASPROCARNE PIEMONTE

Marco Favaro, Mauro Capello, Giacomo Baravalle e Domenico Giobergia eletti alla vicepresidenza

È Franco Martini, allevatore di Chivasso (TO), il nuovo presidente di Asprocarne per il prossimo triennio che si concluderà con l’approvazione del bilancio di esercizio 2019.

È stato eletto all’unanimità dal nuovo consiglio di amministrazione, eletto a sua volta nell’ultima assemblea dei delegati dello scorso 23 giugno, e succede nell’incarico a Roberto Buratto, nominato presidente dal consiglio di amministrazione nel settembre 2015 a seguito della prematura scomparsa del compianto Mario Panero.

Il consiglio di amministrazione ha poi eletto quattro vicepresidenti che avranno il compito di coadiuvare il presidente Martini nello sviluppo delle varie aree di attività dell’organizzazione.

Per tre di essi si tratta di una conferma: Mauro Capello di Ceresole d’Alba (CN), Marco Favaro di Piscina (TO) e Giacomo Baravalle di Solero (AL). Assume invece per la prima volta l’incarico Domenico Giobergia di Savigliano (CN).

 

CHI È FRANCO MARTINI?

 

Franco Martini, che ha ricoperto per due mandati l’incarico di vicepresidente in Asprocarne dopo essere stato eletto consigliere nel 2005, è residente a Chivasso (TO) in frazione Betlemme. Conduce insieme alla famiglia un’azienda multifunzionale ad indirizzo cerealicolo – foraggero – zootecnico alla quale, da alcuni anni, ha affiancato un’importante attività di gestione delle aree verdi e giardini che ha aperto nuove opportunità per l’azienda agricola pur mantenendo centrale il ruolo dell’allevamento.

L’azienda Martini alleva vitelloni da ingrasso da quattro generazioni. Da qualche mese si è installato definitivamente in azienda il giovane Davide che prosegue l’attività sulle orme del papà Franco, del nonno Michele e del bis nonno Clemente, a suo tempo allevatore di vacche nutrici di razza Piemontese.

L’azienda si estende su una superfice di 40 Ha coltivati principalmente a mais, grano, orzo e foraggiere che vengono reimpiegati nell’allevamento. Vengono stabulati mediamente 200 bovini da carne di razze francesi (Limousine e Charolaise) e loro incroci. La produzione annuale è di circa 320 capi macellati e commercializzati all’interno di filiere di qualità OGM free.

Fonte: Asprocarne
  • articoli più recenti
  • articoli più letti

precedente

IN 5 ANNI DIMEZZATI ANTIBIOTICI IN ALLEVAMENTI POLLAME

successivo

MACCARESE SPA AVVIA  IL POTENZIAMENTO: PRODUZIONE...

assomacellai confcommercio federcarni fiesa
trenitalia