contatti  | English

28
MAG
2015

Consumi e tendenze

Salute, i molteplici benefici della carne bianca

Dalla prevenzione delle malattie cardiache ai vantaggi per la crescita dei bambini: la Nutrition Foundation of Italy ne ha parlato nel primo documento di consenso su questo tema.

Un adeguato consumo di carne bianca migliorerebbe la qualità complessiva della dieta della popolazione italiana. Lo dicono a gran voce gli esperti della “Nutrition Foundation of Italy” (Nfi), che hanno realizzato per la prima volta nel nostro Paese un documento di consenso in materia, sottolineando come i rischi per la salute si riducano notevolmente mangiando pollo e tacchino, anche se le preferenze dei consumatori sono ancora per la carne rossa, ben il 28% di contro al 25% dell’avicolo.

 

I benefici delle carni bianche sono legate alle loro proprietà organolettiche: si tratta infatti di alimenti ricchi di proteine nobili, specifiche vitamine tra cui quelle del gruppo B, ferro e pochissimi grassi. Il che riduce notevolmente il rischio di contrarre patologie come diabete o obesità. In più il consumo di carni avicole potrebbe rappresentare una strategia utile per controllare il rischio coronarico. Sono soprattutto gli anziani e i bambini a beneficiare degli effetti positivi di questo tipo di alimenti, perché riescono a aumentare e mantenere la muscolatura.

 

Non solo. Secondo i ricercatori, anche le donne in gravidanza e allattamento dovrebbero mangiare adeguate dosi di carne bianca, così come chi fa sport. Nonostante ciò, però, in Italia i consumi di pollo e tacchino sono ancora contenuti rispetto alla media europea, si parla infatti di 13,6 chilogrammi l’anno contro i 17,8 della media Ue solo per il pollo, ben lontano dai numeri di Gran Bretagna e Usa.

 

Tuttavia, si legge nella ricerca, una dieta che comprenda le giuste dosi di questa carne, in associazione alla presenza di vegetali, con un apporto moderato di grassi e uno stile di vita attivo, può facilitare il mantenimento del giusto peso corporeo ed evitare l’insorgere di patologie croniche e pericolose. Contribuirebbero anche alla prevenzione del tumore all’esofago, mentre avrebbero effetti neutri sul cancro allo stomaco e al colon retto.

 

“Con la realizzazione di questo documento di consenso – spiega Andrea Poli, presidente Nfi – colmiamo una lacuna di carattere scientifico sul tema delle carni avicole e sul loro ruolo nell'ambito di una corretta alimentazione. Il documento conferma come le carni avicole siano caratterizzate da un profilo nutrizionale decisamente benefico. Complessivamente, dunque, hanno un effetto sulla salute molto favorevole”.


Fonte: Osservatorio Eurocarne

  • articoli più recenti
  • articoli più letti
assomacellai confcommercio federcarni fiesa
trenitalia
svg